akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

09 gennaio 2010

1476. L'utopia della libertà (e dell'autonomia)



C'è un rapporto molto profondo tra la mia concezione della psicoanalisi e la mia concezione della politica. Ambedue infatti mirano all'autonomia dell'essere umano, anche se, ovviamente, attraverso vie diverse. La politica mira a liberare l'essere umano, a permettergli di accedere alla propria autonomia per mezzo di un'azione collettiva la quale ha come oggetto la trasformazione delle istituzioni; vale a dire, la politica mira ad instaurare delle istituzioni di autonomia. L'oggetto della politica non è la felicità, come si voleva nel Settecento e nell'Ottocento, e come intendeva anche Marx.
Questa concezione non è solo erronea, ma anche catastrofica.
L'oggetto della politica è la libertà.

°




°



2 Comments:

  • At 1/2/10 11:43 PM, Blogger gabrilu said…

    Grande, Castoriadis.
    Rimasi fulminata dal suo "L'istitution imaginaire de la societé" ed in particolare dal capitolo su Istituente ed Istituito.
    Purtroppo il libro l'avevo letto in prestito. Vorrei comprarlo e rileggerlo, ma lo cerco da un po' e non riesco a trovarlo...
    Ciao :-)

     
  • At 14/2/10 9:28 AM, Blogger lbalbo said…

    «Quando colui che ascolta non capisce colui che parla e colui che parla non sa cosa sta dicendo: questa è la filosofia.» voltaire

     

Posta un commento

<< Home