akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

11 dicembre 2009

1451. A null'altro


Non riporterò tutto. Bisogna concedere alla dimenticanza ciò che le spetta di diritto. Ma non voglio nemmeno abbandonare ai capricci della mia memoria i cinque mesi straordinari che ho appena vissuto. La memoria è solita fare del mio passato una scelta assai poco giudiziosa. Sovente infatti s'ingombra di minuzie che non hanno alcun interesse e lascia invece che svaniscano immagini di cui anche il minimo particolare mi sarebbe stato caro. La cernita che essa compie è sempre così maldestra... ecco perché questa volta voglio che il ricordo sia rimesso unicamente alla mia ragione.
E a null'altro.