akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

02 ottobre 2009

1423. Eternità di una sera


Le sere che saranno e che sono state
sono una sola, inconcepibilmente.
Un solo e chiaro cristallo dolente
intangibile al tempo smemorato.
Sono lo specchio di questa sera eterna
che in un cielo segreto si fa tesoro:
lo stesso in cui sta il pesce e sta l'aurora,
la bilancia, la spada e la cisterna.
Ogni archetipo. Ugualmente Plotino
ci insegna nei suoi libri (sono nove)
che forse nella nostra vita breve
si intravede un riflesso del divino.
E la casa ci appare attorniata
da quell'unica sera elementare:
sera d'oggi, di ieri, non ancora passata.

Versione dal castigliano di Vittorio Gassman

5 Comments:

  • At 2/10/09 1:51 AM, Anonymous Anonimo said…

    Bellissima....

    E la casa ci appare attorniata
    da quell'unica sera elementare:
    sera d'oggi, di ieri, non ancora passata















    Immaginando, però, una casa

    Una casa come... tutte...






    E mi hai fatto venire in mente altre parole
    (che vado a recuperare... non certo a memoria. Aspetta....)






    Eccole...

    C'è come un dolore nella stanza, ed
    è superato in parte: ma vince il peso
    degli oggetti, il loro significare
    peso e perdita

    (Amalia Rosselli)




    Buona Notte cara



    M.

    ps: per un po' di tempo non potrò scrivere....
    Ma sappi che ti leggerò e... seppure non ogni giorno...
    basterà un'unica volta.

     
  • At 2/10/09 6:33 AM, Anonymous Bao said…

    ... E questa sera la passero' sotto la Capanna, a Zfat...
    Grazie.

     
  • At 2/10/09 8:39 AM, Anonymous Uriel said…

    Io credo che il mondo in sé non rifletta proprio un bel niente: l'unico riflesso, compreso quello del divino (che è in ciascuno di noi Homo sapiens) è quello della luce che emana dai nostri occhi, quella con cui osserviamo il mondo, lo interpretiamo, lo valutiamo e, talvolta, vorremmo cambianrlo.
    Uriel

     
  • At 2/10/09 11:36 AM, Blogger Elena said…

    Clelia, un passaggio per considerare il tuo difficile silenzio, il profondo grido sussurrato di M.
    e i vostri pensieri, essenziali.
    Elena

     
  • At 3/10/09 10:45 AM, Anonymous Anonimo said…

    E' un bel componimento.
    Buona domenica, Clelia
    Giovenale

     

Posta un commento

<< Home