akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

29 aprile 2009

1286. La linea di confine

Ma in fondo la grande domanda è: dove si trova, di preciso, la linea di confine fra il cosa e il come di una storia?

Pubblicato con Flock

2 Comments:

  • At 30/4/09 1:21 PM, Blogger Fra said…

    la mia limitatezza mi fa dire che "cosa" e "come" sono ben distinti e vivono di natura distinta. Sempre se partiamo dal presupposto di una base comune ed unificata. Se si intraprende un discorso di relatività e di soggettività allora forse cosa e come cambiano baricentro e si avvicinano.
    Clelia tu come la pensi?

     
  • At 30/4/09 2:08 PM, Blogger Clelia Mazzini said…

    La penso da impenitente relativista,
    e pertanto per me il "cosa" e il "come" sono due mondi separati, che raramente si intersecano tra loro.
    E' forse questo uno dei misteri che fanno bella la vita.
    Certe volte il "soggetto" deve arrendersi, senza per questo credere al "destino" o a chi si presume lo "rappresenti".

    Ciao cara.

    C.

     

Posta un commento

<< Home