akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

15 aprile 2009

1267. Mitologia del presente


Ecco che si unisce il filo azzurro delle notti
soffia, su tutto ciò che ho di più caro
e mentre qualcuno chiama, con languore,
io mi soffermo sulle amarezze della sera.
E' accaduto questo quando sulle barche
si sono accese tre stelle tutte d'oro
e quando una tuia solitaria
ha disteso su un sepolcro le sue fronde.
Sì, è accaduto quando i Titani
indossavano turbanti di porpora
e l'impeto osceno del monsone
era così bello
(anche se ne ignoravamo il motivo).
Questo accadeva quando i pescatori
ci cantavano i versi di Odisseo
mentre in lontananza, sulla schiuma del mare,
si levava obliquo il volo di un uccello.

Pubblicato con Flock

3 Comments:

  • At 15/4/09 4:35 PM, Blogger JLBO said…

    Beautiful melancholy...

     
  • At 16/4/09 10:02 AM, Blogger Marco Apolloni said…

    Ciao Clelia, scusa il commento poco centrato, ma non sono riuscito a trovare il tuo indirizzo di posta elettronica. Comunque, sono Marco Apolloni del blog "NoIperborei", ti scrivo per segnalarti l'apertura del mio nuovo blog: http://viverefilosofando.blogosfere.it/
    Magari dacci un'occhiata e se lo ritieni meritevole mi farebbe piacere se riuscissi ad inserirlo fra le tue "Intersezioni".
    Vedi un po' tu... Il mio indirizzo dove contattarmi eventualmente è: escobar17@hotmail.it
    Scusa ancora il disturbo e buon proseguimento!

    MA

     
  • At 16/4/09 5:11 PM, Blogger Clelia Mazzini said…

    Marco caro,

    richiesta esaudita con convinzione.

    Auguri per la tua nuova "intrapresa".

    Un saluto caro,

    C.

    °

    Un saluto anche al sempre presente JLBO.

     

Posta un commento

<< Home