akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

15 febbraio 2009

1137. Per una possibile morale (indipendente)

L'uomo è fine a se stesso, pertanto si deve determinare da sé e non farsi mai determinare da qualcosa che gli è esterno. L'uomo deve essere ciò che è, e questo solo perché egli vuole e deve volere così. L'io deve essere determinato nel modo in cui potrebbe essere determinato eternamente. Pertanto il principio della sua morale sarà questo: agisci in modo tale che il pensiero massimo della tua volontà diventi per te una legge eterna.

Pubblicato con Flock