akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

13 febbraio 2009

1129. Il mattino ha l'oro in bocca



Tu sei l'incanto delle mattine che non torneranno.

Vincenzo Cardarelli
da Natura

5 Comments:

  • At 13/2/09 12:34 PM, Blogger EBass said…

    Si,ma cosa di quelle a venire?

    (Chiedo scusa a Cardarelli, ovunque sia, e a te per l'intrusione)

    Ebass

     
  • At 13/2/09 12:39 PM, Blogger Clelia Mazzini said…

    La domanda è complessa.
    Implica una forma divinatoria che, come ho scritto più volte, non sono assolutamente in grado di concepire.

    Benvenuto.

    C.

     
  • At 13/2/09 2:34 PM, Blogger Paolo, said…

    non saprei dove collocare questo distillato di sapienza filosofica e linguistica di Emanuele Severino:
    "la fede è la volontà di affermare "gli invisibili" senza disporre della verità di tale affermazione"
    Emanuele Severino, La legna e la cenere, discussioni sul significato dell'esistenza, Rizzoli, 2000, p. 166

    credo che l'oggetto di questa riflessionefaccia parte del tuo progetto di ricerca
    buoni giorni
    amalteo.splinder.com

     
  • At 13/2/09 3:15 PM, Blogger Clelia Mazzini said…

    Grazie Paolo,

    lasciamo pure qui il bel pensiero di Severino, potrà utilmente illuminare le mattine che verranno.

    Ricambio il buon auspicio.

    A presto.

    C.

     
  • At 13/4/09 10:52 PM, Anonymous Gabriele said…

    mh bel blog ... passa da me!!!

     

Posta un commento

<< Home