akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

12 febbraio 2009

1126. "Coincidentia oppositorum" in Hegel (?)

La Logica studia l'Idea in sé, così come si invera nell'essere, nel non essere e nel divenire. L'essere è il primo momento dell'Idea in sé, è il concetto più povero di determinazioni, anzi è talmente povero che qualsiasi determinazione, in quanto particolare, costituisce già una negazione dell'essere nella sua pura e astratta generalità. Appunto perché privo di determinazioni, l'essere richiama il suo opposto, il non-essere, il nulla, confondendosi con esso. Dall'unione dell'essere e del non essere sorge il divenire; nel divenire infatti ciò che non è incomincia a essere e viceversa.

*
Per quanto riguarda >>>il titolo

2 Comments:

Posta un commento

<< Home