akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

11 febbraio 2009

1123. Un filo che vince il silenzio

Il vero comunicare fra due individui è assai meno frequente di una felicità condivisa, è più labile della bellezza: basta poco, anzi un niente a rompere quel filo sottile, a risprofondare in un silenzio senza confini.

Pubblicato con Flock