akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

08 febbraio 2009

1112. Mala tempora currunt

...Per quanto Nerva accresca ogni giorno di più la fortuna dei tempi e per quanto la tranquillità pubblica non sia più soltanto un auspicio o un voto, ma sia diventata ormai una condizione di fatto, tuttavia - per via della natura umana - l'azione del farmaco risulta essere più debole dell'effetto del male. E come i nostri corpi si accrescono lentamente e rapidamente invece si dissolvono, analogamente si possono soffocare gli ingegni migliori e ciò che da loro potrebbe manifestarsi... Non è cosa da poco se, per quindici anni - periodo non breve per una vita umana -, molti sono morti per opera del caso e altri - i migliori - per la crudeltà dell'imperatore...

Ho riletto oggi la Vita di Agricola di Tacito spinta da >>>questo breve - ma compiuto - studio di Gian Domenico Mazzocato.