akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

09 gennaio 2009

994. Esclusivamente nella nostra testa

Scopro di non avere "direzione"; non nel tempo, almeno.
...non c'è niente nel mondo fisico a cui questa immagine di un presente in movimento o di un tempo che fluisce possa corrispondere. Non c'è una velocità ultima a cui fluisce il tempo del cosmo, con cui raffrontare un qualche senso interiore del divenire. Le origini della sensazione del passare del tempo, e della sua rappresentazione astratta, devono essere ricercate esclusivamente nella nostra testa.

Pubblicato con Flock