akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

30 gennaio 2009

1084. Una vuota forma viva

C'è scavata nell'aria la tua
forma... un vuoto
che palpita di te, come l'immoto
silenzio, dopo una perduta voce.
Diego Valeri > Poesie
[Ed. Lo Specchio-Mondadori, Milano, 1967]
Pubblicato con Flock

2 Comments:

  • At 13/6/09 6:39 PM, Anonymous Bruno said…

    Volevo commentare questo per dirti che incompleto ho atteso e mi sono interrogato: la tua scomunica nel silenzio provvisorio ha davvero lacerato la tela del mio silenzio-nascondimento.

    Ma va bene anche questo. Ecco dove troverai, se vorrai, la mia perduta voce.

    Grazie.

     
  • At 14/6/09 12:29 PM, Blogger Clelia Mazzini said…

    Bruno carissimo,

    sono lieta di poter leggere con continuità qualcosa di tuo, senza più dovermi affidare ai tuoi rari (ma sempre profondissimi) commenti.

    Ho inserito il tuo blog tra le mie "Intersezioni" ma, soprattutto, il suo prezioso link nel mio reader dei feed, affinché quando tu pubblicherai qualcosa io lo possa ricevere subito, senza attese vane che - quelle sì più del silenzio - generano incertezza.

    Stammi bene.

    C.

     

Posta un commento

<< Home