akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

27 gennaio 2009

1068. Altro che "dono"...

Anche quell'inutile frammento che tu rappresenti, uomo meschino, è sempre da considerare in connessione intima con l'universo e utile alla sua sussitenza; eppure non sembra che tu ti renda conto che ogni vita si genera per il tutto e per l'equilibrio universale. Non è per te che la tua vita si svolge, bensì tu vieni generato per l'esistenza della vita universale.

Pubblicato con Flock