akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

26 gennaio 2009

1066. Magia nera

Tra ieri pomeriggio e questa notte mi sono tuffata nel mondo magico (e quando scrivo "magico" intendo "letteralmente magico") di >>>Sindiwe Magona, ricavandone gioia, dolore, passione e speranza.
Cosa posso chiedere di più (d)alla letteratura?
Mi ha ricordato il miglior Ben Okri, ma è una donna, e questo conta. Conta molto, per me.
Mi ha ricordato anche la lezione (intesa in senso puramente letterario) di Coetzee e di Gordimer, ma è nera e dunque è più ad Achebe che ho indirizzato il mio sguardo romanticamente indagatore.
Un esempio su tutti? Il racconto Annegamento a Cala in Push-Push e altre storie; c'è in esso tutta la "sospensione" dalla e per la vita che solo certa letteratura superiore riesce a dare.
Ecco, io l'ho scritto qui.
Ora fate voi.
Pubblicato con Flock