akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

23 gennaio 2009

1052. Non fiori ma opere di penna

Un' >>>interessante intervista di Jadel Andreetto con >Wu Ming 1 e Wu Ming 2 sulle condizioni attuali del cosiddetto New Italian Epic (grazie all'intervista ho potuto anche focalizzare l'attenzione sul film >The Prestige di Christopher Nolan, che non avevo ancora visto e che mi sono affrettata a ordinare).
Il >New Italian Epic è morto. È morto perché recava in sé il suo epitaffio con tanto di date: 1993-2008; ed è giusto che sia così, in un paese in cui non sembra morire (né nascere) mai nulla, in cui il ciclo della vita è arrugginito, inceppato...
Pubblicato con Flock