akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

16 gennaio 2009

1023. Una (diversa) nozione di libertà

Mi chiedo, molto accademicamente, cosa sia rimasto oggi - nella "grande nazione" - di tutto questo. La risposta è vaga, per certi versi ostile. Sicuramente insufficiente.
...Il pragmatismo, dunque, contribuì in modo determinante a forgiare una nozione di libertà che si rivelò fondamentale per la successiva storia del liberalismo americano: una libertà non "naturale", bensì prodotto "artificiale" della società; una libertà, quindi, non sostenuta sulla base dell'esaltazione dell'individualismo a spese del gruppo, bensì dalla sua "utilità sociale".
Giovanni Borgognone a proposito del volume > "Il circolo metafisico. La nascita del pragmatismo americano" di Louis Menand
Pubblicato con Flock