akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

16 gennaio 2009

1021. Lettere dalla zona interdetta [XXVII] Frammenti di una lettera sulla verità

Torna il tarlo immedicato della verità...
La verità - mi scrivesti una volta - non coincide con la realtà né con l'essere, tutt'al più con il senso dell'essere... Oggi mi soffermo a pensare che la verità non riuscirò mai a trovarla nel senso di una qualunque "realizzazione", perché ogni realizzazione racchiude in sé - inevitabilmente - il limite chiuso del dogmatismo (>>>continua a leggere > Lettera a D. - 8 febbraio 2007)
°

XXVI - XXV - XXIV - XXIII - XXII - XXI - XX - XIX - XVIII - XVII
XVI - XV - XIV - XIII - XII - XI - X - IX - VIII - VII - VI - V - IV - III - II - I

Pubblicato con Flock

2 Comments:

  • At 16/1/09 2:58 PM, Anonymous Sils said…

    ma possedere un senso dell'essere no significa per forza volere una realizzazione, una realizzazione realizzata tout court (=dogmatismo), ma forse soltanto un cammino...

     
  • At 16/1/09 3:10 PM, Blogger Clelia Mazzini said…

    E' vero, a volte un "cammino" (cioè un arrivare in "potenza") è già qualcosa (tendere verso una metà, primo passo verso la realizzazione ecc.).

     

Posta un commento

<< Home