akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

05 novembre 2008

897. La tua parola spenta



Quando un giorno ti lascia,
pensi all'altro che spunta.

E' sempre pieno di promesse il nascere
sebbene sia straziante
e l'esperienza d'ogni giorno insegni
che nel legarsi, sciogliersi o durare
non sono i giorni se non vago fumo.

[...]

E' nebbia, acceca vaga, la tua assenza,
è speranza che logora speranza,

da te lontano più non odo ai rami
i bisbigli che prodigano foglie
con ugole novizie
quando primaverili arsure provochi
nelle mie fibre squallide.

[...]

Soffocata da rantoli scompare,
torna, ritorna, fuori di sé torna,
e sempre l'odo più addentro di me
farsi sempre più viva,
chiara, affettuosa, più amata, terribile,
la tua parola spenta.

[...]

L'amore più non è quella tempesta
che nel notturno abbaglio
ancora mi avvinceva poco fa
tra l'insonnia e le smanie,

balugina da un faro
verso cui va tranquillo
il vecchio capitano.


Giuseppe Ungaretti
da Ultimi cori per la terra promessa
in Il taccuino del vecchio


2 Comments:

  • At 5/11/08 11:43 AM, Anonymous Anonimo said…

    Sollecitazioni e stimoli dalle tue proposte.
    Si sviluppano (almeno) due differenti visoni della Fine. Una intesa cone exitus,come temine,come conclusione di un progetto (in senso heideggeriano),la seconda come momento di svolta,come luogo più basso della successiva rinascita. Due (almeno due) concezioni quindi del tempo:una lineare ed una circolare.
    Ma,Einstein:”per noi fisici credenti la distinzione tra passato,presente,futuro è solo una ostinata illusione”.
    Un saluto
    Claudio ‘Piolino’

     
  • At 6/11/08 2:11 AM, Blogger Clelia Mazzini said…

    Le due grandi correnti dello Spazio-Tempo: quella greca (la circolare) e quella giudaico-cristiana (la lineare), in un unico commento, ispirato per altro a quello che ho (tra)scritto.
    Mi sembra ottimo.

    Tu puoi immaginare dove si collochi il mio cuore, ma sarò chiara: nel Tempo non c'è nulla da attendere, tranne ciò che deve (ri)tornare. Per questo amo la circolarità e non mi riconosco nell'ineluttabilità del tempo lineare.

    Stammi bene.

    C.

     

Posta un commento

<< Home