akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

23 ottobre 2008

885. Possibilità trascendentale


L'uomo è definito, secondo Abbagnano, dalla possibilità di scegliere tra le possibilità che gli sono date, di realizzarne alcune e non altre - e in ciò consiste appunto la possibilità trascendentale. L'uomo può scegliere tra esistenza autentica ed esistenza inautentica, tra la fedeltà al proprio essere e la dispersione della quotidianità. La possibilità di scelta che Abbagnano gli attribuisce acquistava così un significato normativo, che Heidegger aveva invece escluso: "la norma è il dover essere della libertà come trascendenza", un dover essere che coincide con il dovere di pervenire alla realizzazione della propria struttura.

[Pietro Rossi - Nicola Abbagnano. Il pensiero]

da Nicola Abbagnano [sito ufficiale]

2 Comments:

  • At 23/10/08 4:47 PM, Anonymous Domenico Fina said…

    A proposito di possibilità in senso largo.

    Scrivendo la frase "Anna Karenina si getta sotto un treno", ho scritto per errore si getta sotto un "terno".
    Mi è venuto da sorridere perché si adatta facilmente ai nostri giorni scombussolati dall'enalotto.

    Ciao

     
  • At 23/10/08 9:09 PM, Blogger Clelia Mazzini said…

    Ciao carissimo,

    e grazie anche per il commento precedente.

    C.

     

Posta un commento

<< Home