akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

14 giugno 2008

763.


Per un possibile discorso che facemmo
(e "memoria" lo chiamasti per farmi capire)
tutto si aprì di fronte a me.
La temperie del vento frantumò i cristalli
e ci trovammo rapidi a sparire
per gli scoscesi destini del mondo.

Dall'apertura del cielo si rapprese
la coscienza del nostro sentimento
e trasalimmo nel riconoscere che nulla
era andato perduto di ciò che ci aveva creati.

Scendemmo allora quel sentiero mille volte percorso
e quieti ci incamminammo nella sera
che sapeva di timo e gelsomino
ma più di noi, amanti e amati dal silenzio.

Saint-John Perse
da Amers
ora in Œuvre poétique

6 Comments:

  • At 15/6/08 11:03 AM, Anonymous giulia said…

    Volevo solo dirti che, anche se non commento, passo sempre da te che mi regali ogni giorno qualcosa di molto bello. Grazie... Giulia

     
  • At 16/6/08 12:25 PM, Blogger Clelia Mazzini said…

    Grazie a te, carissima.

    ________________________________

    Approfitto del commento per ribadire che ho problemi di connessione che mi impediscono di stare on line con continuità.
    Spero di poter tornare quanto prima a postare con la mia solita frequenza.

    A presto,

    C.

     
  • At 17/6/08 12:25 AM, Anonymous Anonimo said…

    "..amanti e amati dal silenzio."




    Con un po' di dispiacere vedo che non sono piu' tra i tuoi link

    Sì...
    dirai
    è trascorso tanto tempo...

    E' pur vero che il tempo, spesso ma non sempre, e da solo,
    possa cancellare ogni traccia lontana
    Tuttavia...
    un blog non muore o diviene inattuale solo perché qualcuno non lo aggiorna
    (o.. per i contenuti?)

    Forse pochi, rari blog non sono semplice cronaca o cronaca quotidiana
    E quantunque il tempo passi,
    ogni sensazione colà trascritta
    a discapito dello scorrere dei giorni o dei secoli, rimane viva.
    (A prescindere dal mio esile blog)
    Perché "già" fuori dal tempo e da ogni tempo

    Dico.. forse


    Tranquilla.. non chiedo di rimettermi tra i tuoi link,
    visto che in base a... non posso garantire una costante presenza

    Soltanto dirtelo
    (aggiungendo che, persino a menti acute, i dettagli piu' significativi possono sfuggire)







    Con grande (virtuali) amicizia e comprensione


    Massimo

     
  • At 17/6/08 5:43 PM, Blogger amalteo said…

    scusa se approfitto del post più recente. ma ho qui un libro che mi sembra rientrare nelle tue ricerche letterarie:
    John Berger, E i nostri volti, amore mio, leggeri come foto. Bruno Mondadori, 2008 (And our faces, my heart, brief as photos, Pantheon Books , New York, 1984)

    comincia così:
    "la parte prima è sul tempo
    La parte seconda è sullo spazio"

     
  • At 18/6/08 9:06 AM, Anonymous  said…

    Un caro saluto. Ti seguo sempre.

     
  • At 19/6/08 3:55 AM, Blogger Clelia Mazzini said…

    Massimo, la mancanza del tuo link è un imperdonabile errore che mi sono trascinata dietro (e al quale ho subito rimediato). Sappi che leggo i blog attraverso un "feed reader". E lì il tuo collegamento non manca di sicuro.

    Amalteo, hai fatto centro. Ti ringrazio infinitamente.

    carissima, ricambio di cuore.

    Un pensiero per tutti,

    C.

     

Posta un commento

<< Home