akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

10 aprile 2008

705.

Cosa mi tocca >>>leggere...

[Confesso che mi è venuta la tentazione di scrivere un commento sarcastico, ma soprassiedo, perché l'Italia ha bisogno di ben altro. E non lo avrà, comunque vadano le cose. Allora - come sempre - mi consolo con parole alte, le uniche che potranno restare a futura memoria].

°

La storia non si snoda
come una catena
di anelli ininterrotta.
In ogni caso
molti anelli non tengono...
La storia
non si fa strada, si ostina
detesta il poco a poco, non procede
né recede, si sposta di binario
e la sua direzione
non è nell'orario...
La storia non è poi
la devastante ruspa che si dice.
Lascia sottopassaggi, cripte, buche
e nascondigli. C'è chi sopravvive...
La storia gratta il fondo
come una rete a strascico
con qualche strappo e più di un pesce sfugge.

Eugenio Montale
da Satura
in Tutte le poesie

2 Comments:

Posta un commento

<< Home