akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

09 aprile 2008

704.

Con te mi sarebbe bastato compiere il percorso delle orchidee che ho qui davanti a me, mentre sto scrivendo: dal giardino al vaso che le contiene.
Essere nata per te, da te recisa e qui, al sole pallido di una primavera indecisa, cercare di mantenere più che posso il mio profumo per te.
Nel caso decidessi di chiudermi in un libro che magari - senza alcun rimpianto - leggerai fra qualche anno.

1 Comments:

  • At 9/4/08 10:14 AM, Blogger amalteo said…

    Ciò che in me
    si è detto
    continua a dirsi
    ne dire di
    coloro che sono
    con me
    tutt'uno con l'Uno

    Sivia Montefoschi
    riportato in : Fabrizio Raggi, Al di là del bene e del male. la logica unitaria, Zephyro edizioni, 2007, p. 5

     

Posta un commento

<< Home