akatalēpsía

o degli infiniti ritorni

03 aprile 2008

693.

Non ci sarà cielo
né notte d'estate
che potrà lasciarmi senza respiro.
L'eternità ha senso solo nel profondo.

Non ci sarà lago

che potrà riflettere una calma uguale
a quella delle nebbie
quando si diradano.

E così -
quando spariscono i confini della solitudine
e gli occhi diventano più chiari,
mentre le nostre voci inseguono la semplicità del vento -
nulla va più tenuto segreto.

Ecco
ora io non ho più paura
perché so che niente e nessuno
potrà allontanarmi da te.

Karin Boye

da Complete Poems